[ ↓ skip to navigation ↓ ]

Il gioco con i bambini

Nato per giocare

Il gattino ha proprio nel sangue giocare: è capace di trasformare in gioco qualsiasi tipo di attività. Una pallina di carta o di stagnola, il tappo di una penna, ogni tipo di oggetto sospeso a un pezzo di corda: il gattino semplicemente non sa resistere alla tentazione di giocare. Meglio ancora, sarà più che entusiasta di coinvolgervi nei suoi giochi ed è proprio per questo che il momento del gioco è tanto importante per sviluppare fra voi un forte legame.

Un nuovo mondo da esplorare

Essendo una creaturina curiosissima, il vostro gattino non farà altro che esplorare dappertutto, specialmente gli spazi nascosti. Una busta di carta, un ripostiglio o un cassetto lasciati aperti, sotto il letto: il gattino muore letteralmente dalla voglia di andare a scoprire cosa c'è dentro. Quindi fate attenzione: non lasciate assolutamente aperto lo sportello della lavatrice o dell'asciugatrice, perché non sarebbe la prima volta che un gattino vi rimane chiuso dentro. E per l'amor del cielo: chiudete sempre l'asse del water!

Dei giocattoli tutti per lui

C'è parecchio da divertirsi con i giocattoli per gatti, specie quelli piccoli e soffici. Possono essere facilmente sballottolati in giro o afferrati con le zampe o i denti. E giocare a nascondino con qualcuno di questi giocattoli farà emergere il naturale istinto cacciatore del gattino e lui si divertirà per ore a dare la caccia alla sua "preda". Se gli darete un giocattolo con erba gatta, poi, lo vedrete letteralmente fare le capriole dall'allegria. L'erba gatta contiene una sostanza chiamata nepetalactone, che i gatti adorano. Attenzione, però: l'erba gatta ha un effetto eccessivo su alcuni gatti e nessun effetto su altri.

Per via della sua naturale curiosità, il gattino potrebbe decidere di assaggiare alcune delle vostre piante, molte delle quali possono essere tossiche. Come precauzione, è bene che sappiate con certezza cosa c'è nei vostri vasi e sistemiate fuori portata le piante potenzialmente pericolose. Gigli, ciclamini e stelle di Natale sono particolarmente tossiche per i gatti.

Il tiragraffi

Graffiare e allungarsi sono attività essenziali per il benessere del gatto ed è probabile che a farne le spese siano le tende e i divani di casa. Ma se gli procurate sin dall'inizio un tiragraffi su cui possa farsi le unghie, distoglierete la sua attenzione dai vostri mobili e manterrete le sue unghie in buono stato. Se all'inizio il gattino non si appassiona al tiragraffi, provate a spargervi sulla base un po' di erba gatta: i gatti non sanno resistere al suo odore e così anche il vostro si convincerà presto che il tiragraffi non è poi tanto una cattiva idea.

Gatti e bambini sono fatti per stare insieme. Ma non subito.

Non sorprende affatto che i bimbi adorino i gattini. Ma se hanno meno di 5 anni, è sconsigliabile lasciarli giocare con un gattino di età inferiore ai 6 mesi, perché quest'ultimo sarà molto giocherellone e avrà dentini e unghie molto affilati; un bambino piccolo potrebbe non capire che un eventuale graffio fa parte del gioco. Fa molto bene ai bambini crescere con un animale domestico in casa, ma la relazione fra loro sarà molto più felice quando entrambi saranno abbastanza grandi per capirsi l'un l'altro.

Insegnate ai vostri figli come prendersi cura del nuovo membro della famiglia, come giocarci, cosa dargli o non dargli da mangiare. Sviluppate il loro senso di responsabilità facendo lavare loro qualche volta la ciotola del cibo.
Per quanto un micino sia irresistibile, è necessario che i bambini capiscano che ha anche bisogno di dormire e che quindi non va disturbato quando si acciambella sul suo giaciglio per concedersi un po' di meritato riposo.

[ ↑ skip to content ↑ ]