[ ↓ skip to navigation ↓ ]

Buone vacanze per voi e per il vostro gattino

BUONE VACANZE

Tutti amano andare in vacanza. Oppure no? Molti gatti detestano viaggiare, ma se li si abitua sin da piccoli è probabile che non sarà un problema. Molte destinazioni turistiche accettano animali domestici: informatevi bene prima di organizzare il viaggio.

Potrebbe stare meglio a casa

Prima di portare il gattino in vacanza con voi, è bene testare la sua capacità di sopportare il viaggio. Se non si sente a suo agio, viaggiare potrebbe essere troppo stressante per lui e sarebbe quindi preferibile lasciarlo a casa con qualcuno che lo accudisca durante la vostra assenza. Assumere un "pet sitter" potrebbe essere la soluzione ideale: potrete così lasciarlo tranquillamente a casa evitando di interrompere la sua routine. Non basta avere qualcuno che si faccia vivo un paio di volte al giorno per dargli da mangiare: i gattini non dovrebbero stare senza compagnia per più di qualche ora, quindi dovrete organizzarvi per affidarlo a qualcuno che se ne prenda cura 24 ore su 24. Se questo non è possibile, mettetelo in un buon gattile o in una pensione affidabile, con personale specializzato.

Check-up

Sia che il gattino venga con voi, sia che lo lasciate a casa o al gattile, assicuratevi che sia in regola con tutte le vaccinazioni e che sia passato sufficiente tempo perché abbiano effetto prima della partenza. Il gattino potrà essere un po' abbattuto per un giorno o due dopo la vaccinazione, quindi non sarebbe saggio farlo viaggiare in quel momento. Assicuratevi di essere in regola anche con il trattamento antipulci e l'assicurazione e controllate che quest'ultima copra i viaggi.

Schema di viaggio per animali da compagnia

L'introduzione dello Schema di viaggio per animali da compagnia semplifica e regola il trasporto degli animali domestici all'interno di determinati Paesi dell'UE (finora in alcuni di essi, come la Gran Bretagna, l'animale doveva essere lasciato in quarantena al ritorno da un viaggio). Controllate la pagina web del Ministero della Salute (http://www.ministerosalute.it/caniGatti/caniGatti.jsp) per ulteriori informazioni. Ad ogni modo, ecco alcuni accorgimenti generali da seguire:

  1. Il vostro gattino dovrà essere munito di un microchip che lo renda identificabile. Il vostro veterinario vi consiglierà la procedura più semplice: in ogni caso dovrete aspettare che abbia almeno sei mesi.
  2. Assicuratevi che le vaccinazioni del gattino siano in regola.
  3. Dopo la vaccinazione antirabbica, sarà necessario sottoporre il gattino ad un'analisi del sangue per accertare che sia effettivamente protetto.
  4. Munitevi di un Passaporto europeo per animali da compagnia. Consultate il sito del Ministero della Salute per sapere come ottenerlo.
  5. Il mezzo di trasporto per il vostro gattino e il tragitto dovranno essere autorizzati. Il vostro tour operator potrà informarvi in merito alle possibili opzioni esistenti.
[ ↑ skip to content ↑ ]